martedì 30 ottobre 2012

Lo Scudo: il raviolo di Somma Lombardo (VA)

Buongiorno!

Emiliano Cecco, Alessandro Benzoni e Roberto Mainini
Quella che sto per raccontare sembra quasi una favola, siamo in una cittadina della provincia di Varese, c'è un Castello, c'è una storia e ci sono delle tradizioni. 
La favola comincia così: c'era una volta, in una tranquilla sera di ottobre, una semplice cena tra amici. Complice forse una buona bottiglia di vino, i tre amici si posero una domanda "filosofico-culinaria": che cosa potevano creare unendo la loro professionalità?
Il pastaio disse: "Io sono il re della pasta fresca!"
Il formaggiaio disse: "Io ci metto il ripieno!"
Lo chef disse: "E allora io ve lo cucino!"
E fu così che, in quella ancora tiepida sera di ottobre, vide la luce lo SCUDO DI SOMMA.
Il pastaio si chiama Alessandro Benzoni, il formaggiaio Emiliano Cecco e lo chef è Roberto Mainini.
Tre commercianti, amici, che si uniscono e danno vita ad un progetto per la loro città, Somma Lombardo (VA). Hanno messo l'idea, il lavoro e la loro immagine per creare un qualcosa che possa essere il simbolo culinario della città ed hanno creato IL RAVIOLO.


"La nostra volontà era quella di mantenere e dare continuità alla tradizione artigiana sommese. Abbiamo usato per il ripieno il Sancarlino, un tipico formaggio vaccino delle valli varesine che ai tempi veniva mischiato con le cipolle. Noi per renderlo più leggero lo abbiamo lavorato con l'erba cipollina. La pasta bicolore, invece, ricorda i colori dello stemma leoncino della città, giallo e viola (colorato con barbabietola)" racconta lo chef Roberto.

Lo Scudo di Somma ha ricevuto, per mano del sindaco Guido Colombo, la De.Co., il riconoscimento del prodotto a Denominazione Comunale d'Origine a seguito di una attenta valutazione sulla base del disciplinare di produzione e registrazione del marchio, diventando così elemento di attrazione turistica e motore economico e sociale della comunità.
"Somma Lombardo ha uno scudo per difendere le proprie tradizioni" afferma Carioni, Assessore al Commercio e al Marketing Territoriale, "uno scudo che non ha nulla a che vedere con le battaglie a meno che non siano battaglie di sapore. Presentarlo in occasione del cinquantesimo anniversario dell'elevazione a Città è un modo perfetto per festeggiare".


Io l'ho assaggiato, semplice e delicato, un prodotto apprezzabile in tutte le stagioni, come dice lo chef, "in autunno con funghi porcini, scampi e rosmarino; in inverno con una leggera fonduta al parmigiano e guanciale croccante; in primavera con una passata di piselli e trota affumicata; in estate con i gamberi e spinaccini novelli".

Lo Scudo di Somma al naturale con spinaci sautè e burro d'alpeggio

Lo Scudo di Somma con porcini e gamberi

Il Pastaio: Pastificio del Pozzo di Benzoni e c. s.a.s.
                via Roma, 65 21019 Somma Lombardo (VA)
                tel/fax: 0331/252856
Il Formaggiaio: Caseificio Sommese di Esposito Raffaele
                        via Roma, 68 21019 Somma Lombardo (VA)
                        tel/fax: 0331/252882
                        e-mail info@caseificiosommese.com
                        www.caseificiosommese.com
Lo Chef: Ristorante "Corte Visconti"
              Via Roma, 9 21019 Somma Lombardo (VA)
               tel: 0331/254873
               www.cortevisconti.it


5 commenti:

  1. che splendore Alessia, io adoro i ravioli, mille farciture e mille farine per farli...un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Io da poco ho provato a fare la pasta fresca al fianco di una marietta (http://patatenovelle.blogspot.co.uk/2012/10/un-ottobrata-romana-e-un-esercito-di.html) e non è cosa facile..figuriamoci a questi livelli senza nulla togliere alla signora maria! Well-done dicono gli inglesi e la sottoscritta (per quel che può valere! :-) ) Bravissimi!
    fulvia

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Alessia, ma tu di dove sei??? Mica sarai la mia vicina di casa per aver fatto questo post! ;-)
    Io sono di Somma L.do ... o meglio sono originaria di li ma abito ora ad una decina di chilometri ... ma ci credi che questo scudo lo conosco di nome e di storia ma non l'ho ancora mangiato????
    E pensa che passo davanti tutti i giorni al pastaio e formaggiaio!
    Baciooooo
    Monique

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monique, sono di Como, ma lavoro a Gallarate ed ho avuto il piacere di provare LO SCUDO e ne ho voluto parlare per poter farlo conoscere. Ora sai dove puoi andare a mangiarlo o a comprarlo!!! Provalo, ne vale la pena =) Grazie

      Elimina
  4. ohh cavoli..sono qui a due passi e non conoscevo lo scudo di somma..grazie per la notizia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...