giovedì 10 aprile 2014

Vinitaly 2014 #dayafter

Buongiorno!

L'ho detto subito l'anno scorso di rientro dalla giornata al Vinitaly "L'anno prossimo mi fermo per tutta la manifestazione!" e così è stato.
Vinitaly è il Salone Internazionale del vino e dei distillati che dal 1967 si tiene a Verona ogni anno. Vinitaly si estende per oltre 95 000 m², conta più di 4 000 espositori l’anno e registra circa 150 000 visitatori per edizione. Il salone raccoglie produttori, importatori, distributori, ristoratori, tecnici, giornalisti e opinion leaders provenienti da tutto il mondo.
Ogni anno ospita oltre cinquanta degustazioni tematiche di vini italiani e stranieri e propone un programma convegnistico che affronta le principali tematiche legate alla domanda ed offerta del mercato del vino, le analisi sono condotte dell’Osservatori di Vinitaly Studi&Ricerche.
Oltre alle aree espositive dedicate ai produttori di vino, il salone si compone di workshop, buyers club ed aree espositive speciali per promuovere il Made in Italy e far conoscere sul mercato le aziende emergenti. Nel contesto di Vinitaly si organizzano concorsi e premi internazionali, i più famosi: il Concorso Enologico l’Internazionale, International Packaging Competition e il Premio Internazionale Vinitaly che assieme all’International Wine and Spirit Competition promuove la divulgazione della cultura del vino nel mondo. In contemporanea al Salone del vino si tengono: Sol, Salone Internazionale dell’Olio d’Oliva Extravergine di Qualità, Agrifood Club, Rassegna dell’Agroalimentare di Qualità, ed Enolitech, Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticultura, l’Enologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie.
Vinitaly è la manifestazione che più d'ogni altra ha scandito l'evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale, contribuendo a fare del vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario.
Com'è Vinitaly 2014 the day after? Mal di schiena per i chilometri di camminate e le ore passate in piedi fra gli stand, gonfiore post degustazioni senza orari e senza fine, ma soddisfatta della mia quattro giorni a Verona.
Visitare in un solo giorno la fiera è praticamente impossibile, come impossibile è farlo in quattro giorni, ma senza dubbio pianificare visite e tasting è più utile.
Il primo giorno l'ho dedicato agli amici, un mini tour fra le cantine conosciute per far degustare loro nuovi vini, il secondo ed il terzo giorno l'ho vissuto fra appuntamenti vari in veste di Grandma Duck, il quarto giorno l'ho dedicato ai ringraziamenti, saluti finali e al padiglione Sol&AgriFood.
E' proprio vero che "Il vino è il viaggio e il bicchiere il suo mezzo!". Passi dalla Lombardia, dove giri per la Franciacorta, la Valcalepio, la Valtellina, le Terre Lariane, arrivi in Piemonte attraversando la Sicilia, tocchi il Veneto e percorri le Marche, ma non puoi perderti il Friuli e vuoi arrivare in Toscana fermandoti un attimo in Emilia Romagna.
Molti mi avranno seguita sui vari social nel mio live, di difficile organizzazione causa pessima connessione e assenza di wifi. Raccontarvi in un unico post la fiera è impossibile e mi obbligherebbe a brevi aneddoti quindi dedicherò un post ad ogni mia esperienza di bicchiere.
Oggi voglio ringraziare però tutti per l'accoglienza e disponibilità dimostrata seguendo un ordine di visita:
Tenuta Carretta di Piobesi d'Alba (Cuneo)
Terre da Vino di Barolo (Cuneo)
Contadi Castaldi di Adro, Franciacorta (Brescia)
Cantina Tolaini di Castelnuovo Berardenga (Siena)
Maculan di Breganze (Vicenza)
Terre Lariane Consorzio del Lago di Como
Donatella Cinelli Colombini di Trequanda (Siena)
Cantina Ricchi di Monzambano (Mantova)
Villa Job di Pzzuolo del Friuli (Udine)
Santa Margherita di Fossalta di Portogruaro (Verona)
MonteRossa Franciacorta a Bornato di Cazzago S. Martino (Brescia)
Feudo Arancio di Sambuca di Sicilia (Agrigento)
Fattoria Varramista di Montopoli di Val D'Arno (Pisa)
Le Quattro Terre di Corte Franca (Brescia)
Cantina di Soave Rocca Sveva di Soave (Verona)
Baracchi Winery di Cortona (Arezzo)
Sertoli Salis di Tirano (Sondrio)
Mamete Prevostini di Mese (Sondrio)
Cantine Settesoli di Menfi (Agrigento)
Cleto Chiarli di Modena
Arnoldo Carpai di Montefalco (Perugia)
Birra Amarcord di Apecchio (Pesaro Urbino)
Birra Zizzi di Monte San Biagio (Latina)


1 commento:

  1. Ciao, Alessia! Per me quest'anno è stata la prima esperienza a Vinitaly. Straordinaria ed affascinante. Ho potuto fermarmi solo una giornata ed ho partecipato ad un Blogger Tasting. Rimarrà un ricordo indelebile e conto di tornare in occasione delle prossime edizioni. Grazie infinite per la tua dettagliatissima e competente cronaca. Davvero preziosissima.
    Buona serata!
    Maria Grazia

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...