martedì 23 giugno 2015

Alla scoperta di Saluzzo e non solo

Buongiorno!

Foto di Renato Trucco
Questi sono i volti di chi ha trascorso un fine settimana tra Cuneo e Saluzzo.
Tre giorni di #visitgranda con l'ATL del Cunese alla scoperta di Magnificat2015, Il Gustibus e C'è Fermento.
Magnificat2015 è un progetto pazzesco a dir poco. E' un’iniziativa di Kalatà,  una delle prime imprese sociali italiane attive nel settore dei beni e delle attività culturali.
"Il progetto, cha ha consentito la messa in sicurezza del percorso di salita alla cupola del Santuario attraverso un investimento di Kalatà sul bene, è stato reso possibile grazie alla preziosa collaborazione e alla fiducia accordata dal Santuario di Vicoforte. L’intervento, che garantisce l'accessibilità alla cupola da parte del pubblico, è funzionale alle opere di manutenzione e alla salvaguardia del bene. Concluso l’evento, la linea vita e i dispositivi predisposti da Kalatà rimarranno in dotazione al Santuario" ci spiegano.
Salire con la guida a 70 mt imbragati e con il caschetto è un'esperienza unica, che a tratti ti fa tremar le gambe, ma che ti dona senza dubbio una forte emozione dopo "soli" 266 gradini.


La cupola del Santuario di Vicoforte è una delle più grandi al mondo. 
Lungo un percorso appositamente messo in sicurezza, i visitatori, attraverso scale a chiocciola e antichi passaggi riservati alle maestranze e finora mai aperti al pubblico, scoprono vedute panoramiche sull’esterno e suggestivi affacci all’interno della grandiosa volta dipinta.
Fra camminamenti, contrafforti e cornicioni, gradino dopo gradino, il pubblico può ripercorrere la storia di un cantiere plurisecolare, ammirare oltre 6.000 metri quadrati di affresco e conoscere le sofisticate tecnologie che oggi consentono il costante monitoraggio delle condizioni strutturali dell’edificio.




Altra esperienza senza precedenti per me è viaggiare e mangiare su un pullman: Il Gustibus.
Il Gustibus ci ha portati da Cuneo a Saluzzo dove ci ha fatto pranzare. Nasce da un progetto iniziato 5 anni fa con lo scopo di unire, in un solo mezzo, la possibilità di organizzare meeting e, allo stesso tempo, creare una vera sala ristorante.
Il piano terra è adibito a cucina con forno a vapore, lavandini con acqua calda, piano cottura ad induzione, forno a microonde, frigoriferi, piani di lavoro per due cuochi, salivivande, toilette, 4 posti passeggeri per lo staff. Il piano superiore è una sala ristorante o sala riunioni con 10 tavoli da 4 e relative poltrone, piano regia, piano di lavoro con mobili di supporto per le vettovaglie, frigorifero di servizio, salivivande.
C'è Fermento invece è un evento al quale non potevo mancare da vera beerlovers.
Si è svolto a Saluzzo, presso la Fondazione Amleto Bertoni (ex Caserma Mario Musso).
Sostanzialmente è un Salone delle birre artigianali, con 24 produttori provenienti da tutta Italia dove è possibile degustare centinaia di diversi tipi di birra e gustare buon cibo di strada selezionato in collaborazione con la Condotta Slow Food del Marchesato di Saluzzo. 
Noi abbiamo partecipato ad una degustazione guida dove ho scoperto una birra buonissima alla camomilla.


Saluzzo è capitale di un antico e potente Marchesato, è riuscita a conservare il suo magnifico centro storico medievale, dominato dal profilo piramidale del Monviso, la montagna da cui nasce il Po.
Molto carina da girare a piedi. Vi segnalo di andare a visitare la Castiglia, ex carcere di massima sicurezza oggi Museo della Civiltà Cavalleresca, Museo della Memoria Carceraria.
Un consiglio per dormire: l'ex Convento ora Hotel San Giovanni Resort (con passaggio interno nella chiesa).
Un consiglio per mangiare: Baladin Cafè 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...