giovedì 17 marzo 2016

Pure stagioni: la confettura naturale al 100%

Buongiorno!

Quest'anno al Taste di Firenze ho avuto modo di conoscere dal vivo i produttori di Pure Stagioni, l'azienda fiorentina produttrice di marmellate.
Avevo assaggiato a casa le loro confetture e non vedevo l'ora di incontrarli per fare qualche domanda e togliermi qualche curiosità.
Abbiamo a che fare con una piccola realtà a conduzione familiare.
Federico, Gloria e Lucia erano presenti in fiera per parlare del loro prodotto e delle novità del 2016.
Pure Stagioni produce e distribuisce il meglio che le stagioni offrono con prodotti genuini e autentici, lavorati ad arte per mantenere le qualità ed esaltarne il gusto. Un ritorno al passato, quando frutta e verdura venivano trattate con cura e semplicità per poter conservare la loro freschezza nel tempo.
Con il cucchiaino, o su un pezzetto di pane, potevi assaggiare la confettura di limoni, di mirtilli, di fichi o di fragole. Se ti andava il dolce. Se preferivi il salato c'era l'assaggio di cipolla e peperoncino. Ottime con i formaggi.
Le conserve sono lavorate con le tecnologie più moderne così da preservare al meglio tutte le caratteristiche fondamentali.
La frutta è manipolata il meno possibile, per proteggerne l’integrità. La cottura avviene ad alta pressione e bassa temperatura, per conservarne il colore, la consistenza e tutte le genuine proprietà organolettiche.



Le loro conserve sono millesimate, perchè controllano la frutta dal raccolto, per portare nelle dispense di casa un prodotto naturale e di prima scelta anche fuori stagione. Sono naturali al 100%.
Conservare significa mantenere inalterate nel tempo le caratteristiche di un prodotto.
Non basta avere un prodotto di elevate qualità se non conservato nel modo giusto.
Per questo confezionano i prodotti in contenitori di metallo al riparo dalla luce, per preservarne al meglio la freschezza, il sapore e gli aromi, in attesa del raccolto successivo.
L’apertura del barattolo da oggi è anche a vite (questa la novità presentata in fiera), non più solo a pressione dove era utile una monetina per aprirla (per questo motivo avevano pensato di fornire in ogni confezione una moneta fior di conio, nuova nuova, dello stesso anno del raccolto).

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...